// TWIN PEAKS [parte VI di 6]___Laura Palmer: la doppia vita, il sesso, la droga, le visitazioni demoniache, la cattiveria, gli animali, la morte e il destino nell'Aldilà - Kainowska Kainowska
facebook pinterest

TWIN PEAKS [parte VI di 6]___Laura Palmer: la doppia vita, il sesso, la droga, le visitazioni demoniache, la cattiveria, gli animali, la morte e il destino nell’Aldilà


LAura bnDi tutti i misteri di Twin Peaks, Laura Palmer è forse il più grande. Perché, a differenza delle creature della Loggia, il mistero di Laura Palmer è molto reale, ci riguarda tutti. La vicenda di Laura è esemplificativa dei metodi con cui il male si manifesta nel mondo, di come l’innocenza venga corrotta nel silenzio di chi è più prossimo alla scena della corruzione, di come la corruzione si manifesti come un male contaminante, che richiede sempre nuove vittime su cui la vittima possa infierire. Twin_Peaks_Owl_RingNella serie di Twin Peaks Laura compare solo in versione simulacro, che sia fotografia, video o corpo morto, e tutto quello che sappiamo di lei lo sappiamo tramite le parole degli altri. In Fuoco Cammina Con Me, la prospettiva si avvicina a lei, la vediamo sempre dall’esterno ma le stiamo addosso, negli ultimi tre giorni prima della sua morte. Tramite il Diario scritto da Jennifer Lynch, possiamo infine entrare dentro la sua testa.diario segreto

Laura è la reginetta di bellezza del liceo di Twin Peaks. È bionda, ha diciassette anni, è di buona famiglia. Ha voti eccellenti, capelli in ordine, dita perfette. cooper e mano di lauraMa di notte Laura non dorme. Può passare anche tre giorni e quattro notti senza dormire, perché ha paura di quello che può succedere nei suoi sogni. Forse perché sa che non sono sogni. deprivazione del sonnoLaura ha una doppia vita e dei legami sociali con tutti. Porta i pasti a domicilio per conto di Norma Jennings, si prende cura del fratello ritardato di Audrey Horne (e nel diario racconta che a volte le capita di maltrattarlo), dà lezioni di inglese a Jocelyn Packard (che tenta di sedurla e alla fine ottiene quello che vuole). tpep23_162, via in twinpeaks.comBobby Briggs è il suo fidanzato ufficiale, Donna è la sua migliore amica, dalla quale si allontana sempre di più, James Hurley è il suo amante segreto, Jacoby il suo psichiatra. laura e donnaBenjamin Horne è il suo datore di lavoro, sia quello di commessa al reparto profumeria, sia quello di entraîneuse, nonchè uno dei suoi molteplici amanti. Ronette Pulanski è la sua collega, sia nei lavori diurni che in quelli notturni. pilot_091, via in twinpeaks.comLeo Johnson è il suo fornitore di cocaina ed amante bestiale, come anche Jacques Reno, che in più le procura i clienti.fuoco cammina con me, retro del roadhouseLaura Palmer muore fra mezzanotte e le quattro del 23 febbraio, per emorragia. Probabilmente viene uccisa a martellate, perché sulla scena del delitto c’è un martello insanguinato. La sua testa è integra, ma il suo corpo non viene mai mostrato. pilot_253, via in twinpeaks.comProbabilmente il suo assassino la colpisce con il martello sulla schiena, finchè le costole non collassano bucandole i polmoni. Laura viene ritrovata morta sulla riva del fiume. Il suo cadavere è come un bozzolo, avvolto in un sudario di plastica, da cui fuoriescono solo i capelli. pilot_050, via in twinpeaks.comI suoi capelli sono pieni di sabbia, la sua pelle e le sue labbra hanno una sfumatura bluastra e metallica. laura palmerDopo un decennio di addestramento sulle modalità omicide da parte di Top Crime, ora forse avremmo gli elementi per capire fin da subito chi è il colpevole, perché la salma della vittima è “composta con rispetto”. Durante l’autopsia vengono rilevati segni di morsi sulla schiena e sulla lingua, lesioni sulle caviglie e sui polsi dove era stata legata. Laura presenta unghiate e beccate d’uccello sulla spalla. Sono di Waldo, la gracula religiosa di Jacques Reno, un uccello che viene trovato nel capanno delle orge disidratato ed affamato. tpep6_017, via in twinpeaks.comCome racconta Jacques, Waldo era innamorato di Laura. La gracula imita la voce umana, può ripetere qualcosa di compromettente, essere un testimone, quindi la polizia registra tutto quello che dice. Prima che Leo Johnson spari all’uccello, Waldo fa in tempo a dire: “Laura, Laura, non andare là. Fa male, fa male. Fermati, fermati, fermati. Leo no, Leo no.”Jessica Joslin - Waldo (12.5 x 5 x 7 mixed media)Nelle tre ore che hanno preceduto la morte, Laura Palmer ha avuto rapporti sessuali con almeno tre uomini, Jacques Reno, Leo Johnson e il suo assassino.Laura Palmer Chris BerensNonostante abbia solo diciassette anni, Laura è molto intelligente, autodistruttiva e dotata di una grande potenza sessuale. È conscia del suo potere, per lei è “facile far innamorare un uomo”, non deve impegnarsi. Stuzzica il suo psichiatra, raccontandogli sogni e fantasie erotiche. Deride Bobby dopo aver fatto sesso con lui. Nel suo diario di quindicenne, annota anche una lista di iniziali di quarantuno uomini con cui ha avuto rapporti sessuali. tpep5_008, via intwinpeaks.comLaura viene iniziata al sesso a tredici anni, da due ragazzi ventenni con cui gioca di notte in un lago e a cui fa perdere la testa. Nel Diario Segreto di Laura Palmer scritto da Jennifer Lynch, Laura racconta: “Ho l’impressione che ogni volta che penso a questa notte cambio un po’ il racconto. Ogni volta i ragazzi diventano un po’ più rudi con me. Io divento più seducente, e gli faccio dire che cosa provano quando mi toccano. Mi faccio dire che cosa gli piace. Non so perché cambio tutto. Mi è piaciuto così com’è andata, ma quando ricostruisco la scena nella mia mente, gli faccio fare cose un po’ più sporche. È una sensazione che mi piace. Mi piace che loro provino piacere più di me.” tpep6_001, via in twinpeaks.comPoi gradualmente, grazie a BOB, Laura scopre il lato tenebroso e distruttivo del sesso e presto comincia a frequentare i festini sadici organizzati da Leo Johnson. A quindici anni scrive nel suo diario: “Se vado alle orge di Leo, se lascio che mi leghi e a volte mi picchi… la ragione, a parte uno strano piacere, è che sento di appartenere ai luoghi bui come quello. Appartengo agli uomini libidinosi che in realtà sono dei bambini piangenti. Io li provoco, e molto presto cominciano a chiamarmi mammina e ad affondarmi la testa in grembo e a piangere per la sofferenza … e allora devo essere io a dire loro cosa fare. A loro piace così, e il mio posto è fra loro. Deve essere così, altrimenti non sarei così abile.” Twin_Peaks_One_Eyed_JacksA sedici anni, Laura inizia a prostituirsi al One Eyed Jack’s, ma viene presto cacciata, perché è troppo sveglia e perché ha un problema di droga troppo grande. “La cocaina, tutto il giorno, tutta la notte, per mesi. Sono una drogata e ho costretto Bobby a spacciare droga per averne sempre anch’io, minacciando di lasciarlo se non l’avesse fatto”. Laura si fa le strisce di coca sdraiata nel letto, due alla volta. Sniffa cocaina prima delle lezioni, quando è da sola in casa, praticamente sempre.tp-fwwm-6Quando inizia con la cocaina, alla deprivazione del sonno Laura aggiunge anche l’anoressia.sempre più veloceLaura ha un grande desiderio di morte. L’autodistruzione è un sentiero che decide di percorrere a tredici anni, dopo un incubo in cui si stacca a morsi un piede per evitare che lo faccia un enorme ratto. “Non lascerò che nessuno mi faccia male come nel sogno. Piuttosto mi farò male da sola. Conosco i punti più delicati. D’ora in poi mi farò male da sola, purchè tutto questo finisca!!” “Voleva morire”, dice di lei Bobby. Nel suo secondo diario segreto, quello trovato a casa dell’agorafobico suicida Harold Smith, il 22 febbraio Laura descrive il sogno che ha fatto, con la Loggia, il Nano e Cooper, e dice che morirà quella notte, che è deciso: “Nessuno nel mondo reale vuole credermi. Devo farlo, perché questo è l’unico modo che ho per tenere BOB lontano da me, per strapparmelo da dentro. Lo so che lui mi vuole, posso sentire il suo fuoco. Ma se muoio non potrà più farmi del male.” Jacoby racconta alla polizia che l’ultima volta in cui ha visto Laura lei era serena, e lui era convinto che ciò fosse dovuto alla sua decisione di togliersi la vita: “Per lei la morte è stata una liberazione. (…) Laura nascondeva un segreto così orribile da indurla a desiderare la morte. Così orrendo da indurla a cercare le debolezze delle persone, tentandole, privandole della dignità, facendo loro compiere gesti terribili e degradanti. Voleva corrompere la gente.”TERROR FACTORY, LET'S TALK ABOUT LAURANe Il Diario Segreto di Laura Palmer viene descritto l’incontro fra Laura e il suo psichiatra, e viene evidenziato quanto il loro rapporto sia atipico rispetto agli altri rapporti a cui la ragazza è abituata: “Ero a casa degli Horne con Johnny. Uno dei suoi dottori, il dottor Lawrence Jacoby, è venuto con noi a tirare ai bisonti di gomma. Mi sono accorta subito che Lawrence era attratto da me. L’importante non era questo, ma l’origine della sua attrazione. Si era innamorato delle due Laure, proprio della ragione per cui desideravo disperatamente morire. Quella che io consideravo come una maledizione, per lui era una cosa eccitante e onesta. Non rideva della mia sofferenza. L’accettava.” La persona con cui Laura si apre di più, grazie alla quale possiamo comprendere meglio la sua mente, è proprio il dottor Jacoby. Durante una seduta, Bobby Briggs gli racconta: “Laura pensava che non esista bontà nel mondo, che la gente provi ad essere buona ma è corrotta, marcia. Lei per prima. Ogni volta che provava a rendere il mondo un posto migliore una forza esplodeva dentro di lei e la trascinava giù all’inferno, nel più nero degli incubi, ed era sempre più difficile liberarsene e trovare la luce.”tpep29_133, via in twinpeaks.comIn Fuoco Cammina Con Me Laura si dimostra molto fredda e cattiva con le persone con le quali condivide un legame di affetto. Fa venire Donna a casa sua prima di andare a prostituirsi, non la considera, la tratta come un’estranea. Donna le chiede dove sta andando e lei risponde gelida: “Ovunque e da nessuna parte.” L’amica imbarazzata la guarda sorseggiare whisky e le chiede di offrirle almeno da bere, ma Laura la ignora. David Lynch, Fuoco Cammina Con Me, 1992Poi Donna la segue al Roadhouse, dove Laura cerca di metterla a disagio sfidandola a fare giochi sessuali con i suoi clienti, tutti uomini adulti. La porta nel retro dove c’è un locale a luci rosse. Quando mettono della droga nella birra di Donna, Laura se ne accorge e la incita a berla tutta.fuoco cammina con meNel suo diario, Laura si definisce una “professionista dell’insensibilità”.

Laura corrompe Bobby, ne fa uno spacciatore nonché il suo distributore personale di cocaina. Lo deride per la dichiarazione d’amore che le fa dopo che hanno fatto sesso insieme la prima volta. Una notte, durante un passaggio di merce nel bosco, Bobby si ritrova costretto a sparare ad un uomo, facendogli saltare il cervello. Laura ride a più non posso e lo prende in giro.Laura-Palmer-FIRE-e-Sheryl-LeeSfotte James per il tono melenso con cui dice il suo nome. “Ferisci sempre quelli che ami?”, chiede lui. “Quelli che mi fanno pena.”, risponde Laura.tshirt LizDeeganDesigns via EtsyLaura seduce Harold Smith, gli racconta i particolari più piccanti delle sue esperienze da prostituta e lo costringe ad avere un rapporto sessuale con lei. “Dopo ho pianto per ore ed ore perché mi sentivo un mostro. Harold ci ha messo quasi un’ora prima di decidersi a parlarmi perché ero riuscita a spaventarlo persino in casa sua, il suo unico rifugio.”tpep10_025, via in twinpeaks.comIl segreto orribile di Laura, che la spinge ad essere gelida, cinica e cattiva, è BOB. Laura è tormentata da sogni e visitazioni demoniache, fin da quando è adolescente. Come sua madre, Laura ha le visioni. laura la visionariaSe BOB vuol essere cattivo, a me basta un po’ di tempo. Posso diventare la ragazza cattiva che vuole lui.

Nel suo diario segreto, la dodicenne Laura dichiara: “A volte penso di aver qualcuno dentro, ma è un’altra parte di me, più strana. A volte la vedo nello specchio.”laura palmer specchio

A quattordici anni Laura ha un sogno premonitore: “Stanotte ho sognato che avevo scavato una buca in giardino perché cercavo l’acqua e pensavo che fosse una bella cosa costruire un pozzo per la mia famiglia. A mamma l’idea piaceva e sorrideva. Ma quando è uscita, nel sogno, io mi stavo seppellendo nella buca per uccidermi. (…) Volevo essere un albero così potevo ascoltare le cose che succedevano nel bosco.”tpep10_203, via in twinpeaks.comMolti suoi incubi sono legati all’acqua perché il suo cadavere, prima di approdare su una spiaggia grigia, verrà abbandonato nel fiume.tpep13_027, via in twinpeaks.comA dodici anni Laura menziona per la prima volta BOB nel suo diario, in un post scriptum in cui si augura che quella notte non venga. A quattordici anni scrive: “Non ricordo quando è cominciato, ma lui ha sempre avuto i capelli lunghi. Sa tutto di me e sa spaventarmi più di tutti i sogni che ti ho già raccontato. All’inizio giocava con me. Ci rincorrevamo nel bosco e lui mi trovava sempre, ma io non lo trovavo mai. Mi arrivava alle spalle, mi afferrava per le braccia e chiedeva il mio nome. Io dicevo che ero Laura Palmer e lui mi lasciava, mi faceva voltare e rideva. Quando ci penso, capisco che non giocava come avrebbe dovuto. Era molto carogna e mi spaventava sempre. Credo che gli piaccia spaventarmi. Mi fa sentire così tutte le volte che mi porta con lui. Gli piace mettermi in imbarazzo: mi abbassa le mutandine e mi mette dentro le dita. Quando capisce che mi fa male, le tira fuori e si fiuta la mano. Mi dice sempre che puzzo. Grida forte agli alberi che puzzo e che sono sporca e che non sa perché gli piaccio. Dice che se non lo pregassi sempre di venire, non tornerebbe neppure. Io non lo prego mai di venire. Mai. Vorrei che fosse molto lontano. Lo giuro.”tpep9_232, via in twinpeaks.com

BOB è come un demone interno, come la voce più sprezzante che risuona dentro la nostra testa, come l’odio di noi stessi che meglio ci conosce e meglio sa in quale piaga rigirare la lama:

Quando sono diventata più grande, ha cominciato a dire di me cose che non sapevo. Non credo che dicesse la verità. Credo che mentisse, che inventasse tutto sul momento. Sapeva esattamente che cosa mi faceva paura, sapeva che cosa dire per farmi piangere. Poi mi prendeva per il collo … e stringeva. Mi stringeva forte il collo finchè smettevo di piangere. Mi lasciava un momento prima che svenissi…laura morenteBOB ama la violenza e il sangue.tpep14_347, via in twinpeaks.com

A volte andavo a casa sanguinando e non potevo dirlo a nessuno, e restavo alzata tutta la notte nel mio bagno, tutta sola, ad aspettare che il sangue smettesse di scorrere. A volte mi tagliava fra le gambe e a volte mi tagliava dentro la bocca. Sempre taglietti minuscoli, centinaia di taglietti piccoli piccoli.”BOBIn Fuoco Cammina Con Me Laura confida ad Harold Smith che BOB abusa di lei da quando aveva dodici anni. “Entra in camera mia dalla finestra di notte, sa come farmi godere. Dice che vuole diventare me a costo di uccidermi. Dice fuoco cammina con me.” Ma Harold le dice che BOB non esiste.BOBBOB confonde la mente di Laura, fin da prima della pubertà. Laura esce di casa nel cuore della notte in stato confusionale, va nel bosco, dove succedono cose che lei inizialmente non ricorda. “Sono le cinque e mezzo in punto del mattino e faccio fatica a tenere in mano la penna perché tremo tutta. Sono stata ancora nel bosco. Mi sono perduta. Ma sono stata guidata. Credo di essere molto cattiva.”, scrive Laura a tredici anni.the-secret-diary-of-laura-palmer-an-illustrated-guide-t-bone-and-aljaxBOB legge i suoi pensieri, sa tutto di lei, dei suoi sogni e delle sue speranze. Si insinua fra le pagine del suo diario, usando Laura come tramite per comunicarle mediante episodi di scrittura automatica. “CHE COSA DIRAI, LAURA PALMER? DIRAI CHE TI PORTO VIA E NON TI OPPONI MAI? CHE NON GRIDI MAI PER CHIEDERE AIUTO? GLI DIRAI CHE MI VEDI MA CHE NON MI VEDE NESSUN ALTRO? NON TI CREDERA’ NESSUNO, LAURA PALMER (…)”

BOB inizia a distruggere Laura configurandosi come un grande senso di colpa e vergogna nei confronti della propria sessualità. fuoco cammina con meFin da piccola, Laura ha fantasie articolate, spesso bisessuali, poco romantiche, inclini alla violenza e ad una sessualità polimorfa, per cui Laura si sente “tutta nera e buia, intrisa di sogni di uomini grandi e grossi che in tanti modi diversi mi tengono sotto il loro controllo. Una principessa delle favole che crede di essere stata liberata dalla torre, ma scopre che l’uomo che la porta via non è venuto per salvarla ma per entrare dentro di lei in profondità, per cavalcarla come se fosse un animale e farle chiudere gli occhi mentre le dice tutto quello che fa.” fuoco cammina con me laura2Laura intraprende le più ardite sperimentazioni carnali anche perché è convinta che sia la sua innocenza ad attirare BOB. Fin da prima del menarca, BOB la costringe a dire cose come: “La troietta è pentita, la troietta ora ti beve. In questo seme c’è la morte.” BOB vuole farla sentire sporca, le dice che dovrebbe essere gettata nel fiume per pulirsi. “Colpa è una parola che lui usa per farmi tacere.” Dopo la sua intensa educazione sessuale, Laura scrive: “Mi piace essere presa da qualcuno, ma mi piace essere provocata, avere piccoli sogni ed idee. Non mi piacciono le paure, le menzogne e le grida (…). Le tenebre nel sesso vanno bene, purchè siano tenebre strane e misteriose, e non le tenebre dell’inferno o degli incubi o della morte.fuoco cammina con meGli animali sono molto importanti nell’universo simbolico di Twin Peaks. Laura Palmer e Waldo, la gracula religiosa di Jacques Reno, condividono lo stesso destino di testimoni delle tenebre della sessualità e di vittime della violenza, ma ci sono altri due animali importanti nella vita di Laura Palmer. Jupiter è un gatto che Laura ha da bambina e che adora, che viene ucciso una notte da uno sbandato al volante che non si ferma nemmeno. Laura soffre molto, e dopo la morte del suo gatto inizia lentamente ad intraprendere la sua stagione all’inferno. Il cerchio si chiude un paio d’anni dopo, mentre Laura sta ritornando da una serata folle, quella in cui Bobby uccide uno spacciatore nel bosco, e lei riesce ad intascare un chilo di cocaina. Drogata all’inverosimile, Laura guida la macchina ed uccide il gattino di una bambina, Danielle, che è il doppio del suo. Si ferma, piange disperata, e Danielle la consola. È come se Laura fosse diventata l’assassino di Jupiter, il gatto morto assieme alla sua innocenza, e come se la bambina che la consola fosse lei stessa da piccola. gattino bianco morto, via tumblrLaura riceve in dono per il suo dodicesimo compleanno un pony bellissimo, Troy, con la criniera color cannella, che inizialmente è il primo dei suoi sogni infantili a diventare realtà, ma che si trasforma presto in un metodo di copertura per la sua doppia vita: Laura va ai festini di Leo e dice a sua madre di essere stata fuori col pony. Un giorno, sentendosi sempre più intrappolata, Laura decide di dare la libertà almeno a Troy, lo fa scappare nei boschi, frustandolo nel modo in cui veniva frustata da BOB. Settimane dopo, il suo pony viene ritrovato mentre vaga vicino ad una strada, denutrito, stremato, con i ferri staccati e una zampa rotta. La polizia di confine gli spara in testa due volte, per porre fine alle sue sofferenze. Quindi la libertà è solo libertà di morire, e spesso il bene che si cerca di fare si trasforma inequivocabilmente in male rovinoso.our darlings, vintage print available on whimzy treasures, via tias.comUn paio di giorni prima di morire, Laura si imbatte nella Signora Tremond e nel Bambino. i tremondLa vecchia le regala una orribile fotografia incorniciata, che funge da ingresso onirico per la Loggia, mentre il Bambino la esorta ad andare a casa, per scoprire chi è BOB e per raggiungere in questo modo l’acme della sofferenza: “L’uomo che si nasconde dietro a una maschera sta cercando il quaderno con le pagine strappate. Sta andando verso il nascondiglio, sta passando sotto la ventola”, le dice il Bambino. ingressoLaura va a casa e vede BOB che fruga dietro al cassettone, dove lei tiene nascosto il suo vero diario. Poi scappa fuori, si nasconde sotto a un cespuglio e vede uscire suo padre. In quel momento capisce chi è BOB, ma si rifiuta di crederci. Poi la sera a tavola Leland le fa una scenata, la afferra, le afferra il viso, le dice che ha dello sporco sotto le unghie (il posto dove infila le lettere che vanno a comporre il nome di BOB sui cadaveri delle sue vittime). Le dice che ha le mani sporche, che il cuore che porta al collo è un regalo di un suo nuovo amante. mani sporcheLa madre in realtà è in qualche modo complice. Urla al padre di smetterla, in modo isterico, ma sembra farlo più che altro perché non vuole vedere. “Smettila Leland, non le piace.” “Cosa ne sai tu di quello che le piace?” Quando Leland lascia andare la figlia piangente ma continua a pretendere che Laura vada a lavarsi le mani, Sarah non dice più nulla.twin-peaks-fire-walk-with-me-19_610 Twin-Peaks-Fire-Walk-With-Me-david-lynch-11154789-720-405Dei genitori, Laura scrive poco nel suo diario. Descrive Leland come oberato dal lavoro, Sarah come una madre un po’ svampita, che quando le vengono le prime mestruazioni la raggiunge in camera sua per parlarle di api e di fiori. Un giorno la madre comunica a Laura che Maddy l’ha chiamata per telefono, e poi le lancia uno sguardo di gelosia pura. Riflettendo su BOB e i suoi genitori, Laura scrive: “Penso che loro debbano sentire quando mi porta via. Possibile che non gliene importi niente?” Laura racconta di una volta in cui il padre ha ballato con lei e si è messo a piangere.Leland che balla con la foto di laura E poi c’è un episodio allucinato e confuso, mimetizzato a metà del diario come un evento senza importanza: “Ho cercato di parlare a papà a colazione e lui se ne è stato lì seduto a sussultare come se non avesse tempo per altri pensieri. Non ha tempo per i fottuti sogni di suicidio di sua figlia. Nessuno dei miei genitori mi vuole parlare … che cos’è, una specie di sogno? Papà si è tolto tutti i vestiti e ha gridato: “E’ un sogno, calmati, d’accordo? Dunque tua madre ha visto le foto dove tu lecchi le parti intime di altre donne. In quelle fotografie sembrava che ti piacesse, è vero?” Non ho mai avuto tanta paura come in quel momento. Non mi ero neppure accorta che stavo dormendo mentre è stato scritto questo … E’ vero? Merda, è troppo strano. Un po’ troppo strano.” Questo è l’unico punto di tutto il diario in cui si intuisce la verità. David Lynch postula l’esistenza della Loggia e dei suoi demoni, ma questi demoni rappresentano anche delle istanze psichiche. BOB potrebbe benissimo essere un’allucinazione condivisa da un padre e una figlia che si rifiutano di prendere atto dei loro rapporti sessuali incestuosi.Richard-BeymerPoco prima di morire, Laura percorre assieme a James una strada buia, che ricorda le prime inquadrature di Mulholland Drive, o le ultime di Lost Highway. Poi, nel capanno di Jacques, Laura balla davanti al fuoco con i suoi paramenti da puttana e il rossetto sfatto. Lei e gli altri partecipanti al festino si drogano, bevono, fanno sesso.

TWIN PEAKS: FIRE WALK WITH ME, Sheryl Lee, Walter Olkewicz, 1992, © New LineJacques la lega anche se lei non vuole. Suo padre è nascosto a spiare fuori dalla finestra, aspetta che Jacques esca e lo ferisce in testa. Non appena Leo si rende conto dell’aggressione, scappa via, lasciando le ragazze legate nel capanno. Quando Laura gli chiede di slegarla, le grida di stare zitta. fuoco cammina con me laura e ronetteDopo che Leo se n’è andato, Leland branca Laura e Ronette e le trascina legate ed urlanti al vagone.fuoco cammina con me, 1992Leland violenta sua figlia per l’ultima volta e le mette davanti alla faccia le pagine strappate del diario. “Credevo che tu sapessi che ero io.”, le dice. pages missingLeland, prima di ucciderla, le mette uno specchio davanti e Laura si vede riflessa, trasformata in BOB. laura bobMIKE butta dentro al vagone l’anello con il glifo della Caverna dei Gufi e Laura lo indossa, poi muore rigurgitando sangue. Leland le strappa la catenina con il cuore diviso, la copre con il suo sudario di plastica, e la porta al fiume.fuoco cmmina con me

Laura appartiene alla Loggia. fuoco cammina con me lauraVi appartiene da tempo immemorabile, forse da quando ha fatto un sogno a dodici anni, un sogno che le ha causato il suo primo orgasmo notturno. “Subito dopo ho immaginato che un ragazzo entrasse nella mia camera, mettesse la mano sulla mia camicia e mi toccasse leggermente. Sussurrava tante cose carine e gentili; poi ha detto che dovevo stare ferma, altrimenti se ne sarebbe andato. Mi ha tirata per i piedi in fondo al letto e quando mi sono trovata con le ginocchia piegate sul bordo del materasso, mi ha detto di chiudere gli occhi e ho sentito che mi apriva, sempre più grosso, e ho dovuto guardare per vedere che cosa succedeva, e quando ho aperto gli occhi lui non c’era più. Ho guardato la mia pancia, ed ero incinta. Lui era dentro di me, ma era piccolo come un bambino non ancora nato.” Laura porta il male dentro di sé. È lei che tende il tranello mortale a Cooper, baciandolo in sogno. tpep2_270, via in twinpeaks.comDurante il sogno di Cooper, il Nano dice che Laura è sua cugina, che è uguale a Laura Palmer, che è piena di segreti. Laura, quando si parla di lei, risponde con la voce tutta distorta: “A volte mi sembra di conoscerla, ma le sue braccia si piegano all’indietro.tpep2_235, via in twinpeaks.com Questa frase si riferisce al momento della morte, al modo in cui le braccia di Laura erano state legate, in due punti, ai polsi e sopra al gomito, in modo da piegarsi all’indietro. Il doppio di Laura ha perduto la memoria di quello che era da viva. Si alza e bacia l’agente Cooper, ricordando il bacio di Giuda che indica ai centurioni l’uomo da prendere. tpep2_262, via in twinpeaks.comCaravaggio_-_Taking_of_Christ_-_Odessa, 1598Laura dice all’orecchio di Cooper il nome dell’assassino. Questo gesto è anche un malefico incantesimo, per invischiare l’agente, per trascinarlo verso il lato oscuro della follia. Laura si tocca il naso e arriva un’ombra sulle tende (probabilmente, alla luce di quello che succederà nell’ultima puntata, questo è il doppio di Cooper).via in twin peaks art artist unknownÈ Laura che, assieme al Nano, si mostra a Dale Cooper per prima, quando nell’ultima puntata lui trova l’ingresso della Loggia Nera. Ha un abito da sera nero, saluta Cooper e gli porge la mano mentre con uno schiocco di dita indica verso il basso, dicendo: “Ti rivedrò ancora fra 25 anni. Ma intanto …” Laura incrocia le mani all’altezza delle spalle, una col palmo rivolto verso l’alto, l’altra con le dita che puntano in alto. Twin Peaks, Laura loggiaQuesto gesto non ha nessun significato nel linguaggio americano dei segni, ma noi pensiamo che alluda al fuoco: una mano è parallela al suolo, come ad indicare un piano da cui si sviluppa qualcosa che sale verso l’alto, come una fiamma. Come abbiamo visto, il fuoco indica anche la follia. Laura ripete successivamente questo gesto, avvicinandosi minacciosa a Cooper, con movimenti come visti al contrario. tpep29_377, via in twinpeaks.comtpep29_379, via in twinpeaks.comtpep29_402, via in twinpeaks.com tpep29_390,via in twinpeaks.comUrla come una Banshee, lo spirito irlandese che annuncia la morte, o come una klikusha, le donne possedute dal demonio del folklore russo, dette le urlatrici.tpep29_400, via in twinpeaks.com Cooper vede il volto di Windom e Laura che si protende urlando verso di lui come se volesse azzannargli il collo. Subito dopo inizia a perdere sangue.laura-palmerHarriett, la sorella minore di Donna, dedica a Laura una poesia: “Il suo nome era Laura e io l’ho vista risplendere di sole nell’oscurità del bosco. Ho visto il suo sorriso, noi piangevamo e io l’ho vista ridere. Eravamo tristi e io l’ho vista danzare. Era Laura, viva nei miei sogni. Il suo sorriso ci diceva che piangere era giusto. Il bosco era la nostra tristezza. La danza era la sua voce. Era Laura, venuta a salutarmi con un bacio.”Twin_Peaks_FWWM-Laurahappy_1Questa poesia si riferisce all’ultima sequenza di Fuoco Cammina Con Me, in cui vediamo Laura nell’aldilà, che ride poco dopo essere morta.Cooper e LauraPoco prima di uscire di casa per andare a morire, Laura ha una visione: vede l’angelo di un suo santino infantile che scompare. angelpainting1Twin+Peaksmissing angel

Lo vede ricomparire nel momento dell’omicidio, davanti a Ronette che prega. L’angelo la libera dai legamenti e Ronette riesce a scappare. Dopo che i demoni della Loggia si sono nutriti del suo dolore, Laura prende posto nella Loggia. È triste, e di fianco a lei c’è l’agente Cooper. Non è vecchio come nel suo sogno, ma giovane e bello. Poi Laura viene illuminata da una luce e vede l’angelo del suo santino comparirle davanti. 1992_twin_peaks_fire_walk_with_meInizia a ridere, mentre risuona il Requiem in Do minore di Cherubini. Sia lei che Cooper sono stati posseduti da BOB. Il male ha vinto, ma la loro forza, la loro resistenza, il loro coraggio di fronte alla paura e alla confusione aprono la possibilità di una salvezza futura. Forse una volta trascorsi i famosi venticinque anni.Twin Peaks Tarot Laura Palmer postcard PRINT by MaiafirePrints, Strenght

Quindi, se è vero, sta succedendo ora.1280x720-ra2


_Fine sesta ed ultima parte_Laura Palmer  by Audrey Pongracz for Crazy 4 Cult.


Many thanks to Charles of intwinpeaks.com!


Bibliografia

Jennifer Lynch, Il Diario Segreto di Laura Palmer, Sperling & Kupfer, 1991.

Gaston Bachelard, La Psicoanalisi del Fuoco, Dedalo Libri, 1973.

Leslie Fiedler, Freaks, Miti e Immagini dell’Io Segreto, Il Saggiatore, 2009.

Hans Biedermann, Enciclopedia dei simboli, Le Garzantine, 2014.

Marija Gimbutas, Il linguaggio della Dea, Venexia, 2008.

AA.VV, Il Libro dei Simboli. Riflessioni sulle Immagini Archetipiche. Taschen, 2011.

Jean Chevalier, Alain Geerbrant, Dizionario dei Simboli. Miti, Sogni, Costumi, Gesti, Forme, Figure, Colori, Numeri, Biblioteca Universale Rizzoli, 2008.

Carl G. Liungman, Dictionary of Symbols, W.W. Northon & Company Ltd, 1991.

Alfredo Cattabiani, Volario. Simboli, miti e misteri degli esseri alati: uccelli, insetti, e creature fantastiche. Oscar Saggi Mondadori, 2000.

Robert Atkinson, Simboli Sacri, Popoli, Religioni, Misteri, L’Ippocampo, 2009.

Enrico Comba, Il Cerchio della Vita. Uomini e animali nell’universo simbolico degli Indiani delle Pianure. Il Segnalibro, 1999.

Barbara i Adam Podgorscy, Wielka Ksiega Demonow Polskich. Leksykon i Antologia Demologii Ludowej, Kos, 2005.

Robert Lake-Thom, Spirits of the Earth: A Guide to Native American Symbols, Stories and Ceremonies. Plume, 1997.

http://www.intwinpeaks.com/

http://terrorfactory.tumblr.com/

http://it.davidlynch.wikia.com/wiki/Frank_Silva

http://welcometotwinpeaks.com/actors/killer-bob-new-twin-peaks/

https://it.pinterest.com/twinpeaksfreaks/

http://welcometotwinpeaks.com/events/twin-peaks-terror-factory-japan/

http://rowepub.com/symbolism-of-petroglyphs-and-pictographs/

http://flavorwire.com/470518/35-incredible-twin-peaks-tattoos/1

http://flavorwire.com/470518/35-incredible-twin-peaks-tattoos/1

http://io9.com/5902804/gorgeous-twin-peaks-inspired-art-exhibit-wants-you-to-fire-walk-with-me

http://nymag.com/thecut/2014/10/ranking-of-all-117-sweaters-seen-on-twin-peaks/slideshow/2014/10/07/all_the_sweatersfromtwinpeaks/twin-peaks-sweaters-s2-ep18-creepy/

https://en.wikipedia.org/wiki/Ghosts_in_Tibetan_culture

tp://twinpeaks.wikia.com/wiki/Garmonbozia

http://www.slavdom.com/index.php?id=34

crediti delle immagini Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images, images@wellcome.ac.uk, http://wellcomeimages.org
A dissected arm, lettered for key. Etching by Lizars after C. Bell, c. 1810 (?).
By: Charles Bellafter: Daniel LizarsPublished:  – Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

http://blog.nmai.si.edu/main/2012/02/this-day-in-the-maya-calendar-02-10-2012.htmlwe dream


Share

by admin


Tutti i testi di questo sito sono protetti da copyright, per maggiori informazioni sugli usi permessi consultare l'omonima sezione del menu.

Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: Tags: ,