// MIHELE: EXPERIMENTAL JET-SET, TRASH AND NO STYLE _ ovvero la prima volta che abbiamo visto un hipster - Kainowska Kainowska
facebook pinterest

MIHELE: EXPERIMENTAL JET-SET, TRASH AND NO STYLE _ ovvero la prima volta che abbiamo visto un hipster


NirvanaIl centro di Milano, dopo le perversioni turistiche di rito e i giri fashion, offre lo spettacolo della gente che passa, con i loro codici dell’abbigliamento più o meno personalizzati, che delineano accessori must e tipologie umane. Molti tatuaggi tradizionali di colorature incredibili. Allargamenti alle orecchie di titanio. Gay bassi con la ciuffa, vestiti nei toni del sabbia e del jeans chiaro. Rasati di lato, possibilmente con l’occhiale a montatura nera.  Ce ne sono un sacco,  sembrano fatti con lo stampo. E poi le fotomodelle. Tutte teenager, si aggirano intorno alle baracchine che vendono la macedonia e i centrifugati, con le loro gambe lunghe e sottili da trampoliere.

Colorful_cotton_leggings_girls_leggings_plain_cotton Ma non hanno le solite bardate da star post-rock newyorkesi. Indossano tronchetti costosi e sformati, probabilmente di stilisti belga. Leggings neri, per mettere in risalto le zampine chilometriche e magrissime.

flamingoSopra, maglioncini informi di cotone sintetico a rilievi, e motivi colorati geometrici. Oppure a fiori, con le perline. Talmente orridi che sembra trovati nelle buste di vestiti per i ciechi.

ugly sweatersE così, dopo averle osservate, per associazione di idee, volente o nolente, ci balena davanti agli occhi Mihele. Con il suo maglione.maglione miheleMihele era un elemento introdottosi in una casa di studenti a Bologna, in un momento in cui il numero dei suoi inquilini era magicamente e repentinamente shiftato da sette a quindici, arricchendosi di fricchettoni spagnoli, fuoriusciti leccesi, punkabbestia che facevano moneta davanti al supermarket et similia.

punkabbestia In mezzo a questo flusso umano c’era anche Mihele, che in realtà si chiamava Michele ma veniva da Firenze, e lo capivi non appena si presentava. Aprivi la porta di notte e rannicchiato nel buio sul divanetto del corridoio, con i suoi occhi da lemure e la sua pancetta da bimbo, c’era Mihele che strimpellava la chitarra.

lemureMihele non studiava, non lavorava, non andava al cinema e non faceva sport. Di tanto in tanto, per contribuire all’economia domestica, veniva spedito a rubare al supermercato. Mihele  imboscava  la refurtiva in un cappotto enorme, grigino, probabilmente di suo nonno, con le tasche bucate. Tornava con la fodera piena di vaschette di insalata di pesce, pasta fresca, forme di parmigiano e tranci di salmone da mezzo chilo.  cuore di scoziaA parte questo cappotto anti-crisi prima della crisi, il suo abbigliamento, in mezzo ai pantaloni Caterpillar, le scarpe da skate e i teschi studenteschi dell’inizio degli anni Zero, era molto caratteristico. Mihele indossava SEMPRE dei pantaloni di velluto a coste color beige, con le gambe che si stringevano progressivamente e il culo un po’ a sbuffo, e un maglione. Il maglione-Mihele. Era  di lana, industriale,  con i pallini da usura, a righe colorate e motivi tipo  le stelle di neve e i rombi. La cosa più allucinante era che sembrava un maglione normale, ma arrivava  fino alle ginocchia. Come se qualcuno lo avesse lavato, non strizzato e steso ad asciugare sul filo del bucato.

Pensavamo all’epoca che Mihele fosse rimasto indietro di dieci anni, una specie di rigurgito grunge in ritardo.

kurtcobainNon avevamo capito nulla. Mihele non era indietro, ma avanti di dieci anni. Ora le modelline milanesi farebbero a botte  per avere  il suo maglione.ugly-pig-sweater1Ma forse abbiamo avuto un’allucinazione. E allora ci mettiamo a studiare la fauna di Modena.  Un gruppuscolo di tre ragazzine. Ce n’è una con capelli biondo miele a boccoli che si stima un sacco. Indossa un paio di pantaloni blu elettrico acqua in casa, scarpe maschili con calzini a righe viola verde e bianco. Una t-shirt larga e corta, con le spalle cucite in basso e le maniche al gomito, a righe come le calze, solo molto più grosse. Un’altra che è andata a rusgare nelle buste per i ciechi.

vestiti-usatiQuando poi ne vediamo una con i fuseaux grigi a roselline, abbiamo la conferma definitiva che l’anti-stile di Mihele è diventato tendenza.2014-spring-Autumn-New-Rose-Flower-Printed-Leggings-Fashion-Sexy-Women-Lady-Slim-Cotton-Pants-2Sembra essersene accorta anche Vivienne Westwood, che nella sfilata autunno-inverno 2010-2011 ha fatto spuntare i  modelli in passerella da una casetta per barboni di cartone, con materassi di gommapiuma arrotolati sotto il braccio. Uno di loro sfoggiava perfino un maglione beige con i daini e le stelle di neve, lungo fino alle ginocchia. Mihele è ovunque.

 Se uno degli imperativi della moda è fagocitare tutto ciò che è diverso da lei, trasformando il brutto in bello grazie allo stile e alla perfezione dei corpi di supporto, ora la moda sembra focalizzarsi sui vestiti dei vecchi. I vestiti che vedi addosso ai veterani, che la mattina alle nove partono col bianco corretto aperol, e se lo chiami spritz ti ridono in faccia. La ditta Worishofer ha immesso sul mercato scarpe pseudo ortopediche con il sughero, tutte traforate di buchetti, pari pari alle scarpe che si mettono le badanti. Sulla comunicazione delle ci sono foto di star di Hollywood che le indossano,  fra cui Kristen Dunst.

ciabatte polacche originali di epoca comunista che mi ha regalato mia nonnaE poi, se la moda deve precorrere il futuro, guardare avanti, non dimentichiamoci che il prossimo anno è il 2012.

Sappiamo tutti che il rischio maggiore della crisi è quello di preannunciare la guerra. Un po’ come successe nel ‘29. O nel 1819. O nel Medioevo. E quando la civiltà giungerà al capolinea, e non ci sarà più elettricità né riscaldamento né cibo né niente, noi saremo tutti disperati, sporchi, denutriti e vestiti come dei barboni. Ma perlomeno saremo fashion.   


Pubblicato il 9 gennaio 2011 su Lobodilattice


Share

by admin


Tutti i testi di questo sito sono protetti da copyright, per maggiori informazioni sugli usi permessi consultare l'omonima sezione del menu.

Tags: , , , , , , , , , , ,